Vai al contenuto

Panettone: scopri la storia di questo classico natalizio italiano e la ricetta fatta in casa

  • ingredienti
  • 5 minuti di lettura
La tavola di Natale non sarebbe completa senza il tradizionale panettone, conosciuto anche come pane dolce o pane pasquale in America Latina. Si dice che questo must-have per le feste di fine anno abbia le sue origini a Milano, in Italia. È vero?
Sono tante le storie su chi lo ha inventato e su come è nato il primo panettone. Tuttavia, e senza fonti verificate che lo confermino, la versione più diffusa è che questo dolce sia nato, come molte delizie culinarie, per un incidente.
Secondo la leggenda, durante un pranzo di Natale nella villa di un duca milanese nel XV secolo, il cuoco bruciò il dolce. Allora uno dei servi improvvisò e preparò il pane con gli ingredienti a disposizione: uova, farina, burro e uva. Il risultato fu un pane che i commensali amarono e diffusero velocemente.
Al di là della veridicità di questi racconti, Milano è considerata la culla di questa ricetta tradizionale. Il loro legame con il panettone è innegabile, dal momento che riuscirono a diffondere questa tradizione nel resto d'Italia nel corso del XX secolo, e successivamente in America Latina grazie alle migrazioni.
Sebbene la ricetta originale preveda farina, acqua, frutta e fermentazione naturale, oggi esistono numerose varianti a seconda del luogo e delle usanze in cui viene preparata.
Al giorno d'oggi si trova di tutto, da quello tradizionale con frutta candita alle versioni con gocce di cioccolato, noci o dulce de leche.
In Brasile, ad esempio, è comunemente chiamato “chocotone” quando contiene cioccolato, mentre in Argentina viene solitamente consumato durante le cene natalizie accompagnato dal sidro. In definitiva, il panettone è versatile in termini di stili, quindi scegliere quale provare e come gustarlo è una decisione personale.

Come fare il panettone fatto in casa

ingredienti

Per 6 persone
Farina tipo 00 forza 500 G
Lievito da forno fresco 40 G
Zucchero 100 G
Latte in polvere 20 G
zucchero invertito 20 G
Burro 80 G
Uova M2
Tuorlo d'uovo M 1
Sale G
Acqua minerale 120 G
rum marrone 15 ml
acqua di fiori d'arancio 15 ml
frutta candita 120 G
Uvetta corinzia 80 G
Uova da dipingere 1
Zucchero per decorare 28 G
Burro per dipingere G

Elaborazione

Inizieremo preparare un pan di spagna il giorno primaR. Per fare questo, in una ciotola aggiungiamo 200 g di farina, l'acqua e il lievito in essa sciolto. Mescoliamo con un cucchiaio di legno, copriamo con pellicola o con un canovaccio e lasciamo lievitare lentamente in frigorifero per 12 ore.
Il giorno dopo togliamo la spugna dal frigorifero e Lasciarlo raffreddare per un'ora in un luogo caldo. dalla cucina. Successivamente, nella ciotola del robot o in una ciotola se intendiamo impastare a mano, aggiungiamo la farina rimasta, il pan di spagna, le due uova sbattute e il tuorlo, lo zucchero invertito e il latte in polvere. Impastiamo per 10 minuti, lasciamo riposare l'impasto per cinque minuti.
Aggiungiamo lo zucchero, e la scorza d'arancia e impastiamo altri 10 minutine riposiamo altri cinque. Facciamo la prova membrana per verificare che l'impasto sia corretto, cioè stendiamo una palla di pasta con le dita e vediamo che forma un sottile velo di pasta che non si rompe. Poi aggiungiamo il burro a pezzetti e il sale, impastiamo altri 10 minuti. Controlliamo di nuovo l'impasto.
Stendiamo con cura l'impasto formando un rettangolo e aggiungiamo i canditi e l'uvetta, girandolo alcune volte finché non li integriamo nell'impasto. Arrotoliamo l'impasto e lo lasciamo in una ciotola infarinata e coperta con un canovaccio o pellicola finché non lievita in un luogo caldo e lontano da correnti d'aria.
Una volta lievitato, sgasiamo l'impasto con le nocche, arrotoliamo nuovamente e mettiamo la pallina in uno stampo di carta da un chilo di panettone oppure possiamo dividerla in due da 500 grammi se vogliamo panini più piccoli. Lo lasciamo lievitare nuovamente all'interno dello stampo fino a raggiungere il bordo dello stampo di carta, possono essere necessarie fino a 5 o 6 ore se la temperatura della cucina è di circa 18 gradi. Coloriamo con l'uovo sbattuto e aggiungiamo un po' di zucchero inumidito con qualche goccia d'acqua e una pallina di burro.
Preriscaldiamo il forno a 180 gradi, cuociamo sul piano inferiore per 40 minuti. Una volta cotta, passiamo un ferro da calza nella base e la appendiamo a testa in giù finché non si raffredda.

Con cosa accompagnare il panettone fatto in casa

Può darsi che tu sia pigro e trovi che sia molto faticoso farlo Panettone fatto in casa, ma vi dico anche che provate almeno a prepararlo questo Natale, vedrete la differenza che esiste tra quello commerciale e quello fatto in casa, e ovviamente rimarrete affascinati dalla consistenza e dal sapore ineguagliabile del uno fatto da te. Per accompagnarlo, beh, latte, tè, caffè o niente, è così delizioso che non servono compagni di viaggio.

Ti è piaciuto questo contenuto?

Clicca sulle stelle per valutarlo!

Punteggio medio: 5 / 5. Voti totali: 12

Finora non ci sono voti! Sii il primo.

Dato che ti è piaciuto questo contenuto...

Seguiteci sui social network!

Ci dispiace che non ti sia piaciuto!

Come possiamo migliorare?

Tag:
sottoscrivi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Copyright © 2024 Cocina Caprice

Tutti i diritti riservati

E' vietata la riproduzione totale o parziale

dei contenuti di questo sito web

0
Cosa ne pensi? Per favore scrivi la tua opinioneX